I biancoverdi cercano nel parquet di casa un grande alleato.

CALCIO  A  5 – SERIE A2 – GIRONE A

Un Toniolo ancora in rodaggio. Dopo la trasferta di Roma, la squadra di Daniele Sau ha dato la sensazione di essere una macchina appena uscita dalla catena di montaggio che necessita di un logico periodo di rodaggio. Troppi i cambiamenti per funzionare tutto alla prima messa su strada.

Troppo brutti quei primi minuti, troppo belli gli ultimi. La reazione avuta dalla squadra a tanti errori d’inizio partita, sono un punto dal quale partire per gestire questo periodo di assestamento, sperando che sia il più breve possibile. Mister Sau l’aveva detto che servivano ancora qualche settimana, perché le amichevoli durante la preparazione difficilmente inquadrano la reale situazione, la quale è ben visibile solo dopo partite ufficiali, vere, intrise di agonismo e tensione.

Sabato il Comelt Toniolo torna nel suo catino indemoniato, nel quale lo scorso anno non fece prigionieri, vincendo tutte le gare ufficiale. Difficile ripetersi ma il Cambini è da sempre terra ostica da conquistare. Arcuri e compagni si affidano proprio al parquet di casa per mettere in cantiere i primi punti e poter proseguire il lavoro con maggiore tranquillità. Sul fronte infortunati ancora da sciogliere i dubbi per capitan Arcuri e De Mello, usciti malconci dalla sfida con la Brillante. Rientrerà Goran M’Bow dopo lo stop forzato dalla squalifica ereditata dalla passata stagione.

L’avversario si chiama Ascoli Futsal, reduce dall’inconsueto pareggio interno a reti inviolate contro la Tubi Spa Loreto e desideroso di far bene. La squadra di Marini recupererà alcune pedine importanti e dunque dovrebbe presentarsi al completo. Si gioca alle 15.

Andrea Pavanello

Ufficio Stampa Comelt Toniolo Milano