SEMIFINALI GIRONE B (Asiago, Via Cinque)

01/10/2011 ORE 14.30 IMMOBILIARE NEVE DIAVOLI VICENZA – PADOVA 6-6

01/10/2011 ORE 16.30 ASIAGO VIPERS – CATANIA 13-0

01/10/2011 ORE 21.00 ASIAGO VIPERS – IMMOBILIARE NEVE DIAVOLI VICENZA 3-3

02/10/2011 ORE 10.00 IMMOBILIARE NEVE DIAVOLI VICENZA – CATANIA 13-0

02/10/2011 ORE 13.00 CATANIA – PADOVA 15-0

02/10/2011 ORE 16.30 ASIAGO VIPERS – PADOVA 5-3

Prima classificata del girone B: Asiago Vipers

Immobiliare Neve Diavoli Vicenza non riesce a mettere a segno il colpaccio e viene fermata nel girone B delle semifinali di Coppa Italia che vede passare in finale Asiago.
I vicentini con due pareggi, contro Padova 6-6 e contro Asiago 3-3, e la vittoria contro Catania per 13-0 vedono sfumare l’occasione di raggiungere un importante risultato all’esordio della stagione.
Rammarico in casa Diavoli, soprattutto per aver visto sfumare sul finale la vittoria nella prima gara contro Padova, dopo una rimonta di gran carattere, ma anche la soddisfazione per alcuni segnali positivi, ma anche la consapevolezza di dover ancora lavorare per raggiungere la forma migliore. Dolce e amaro quindi il commento dei due Roffo padre e figlio: Angelo allenatore dei vicentini e Luca, capitano.
“Le aspettative sono sempre di vincere poi bisogna attendere il responso del campo – spiega il mister – Contro Padova e Asiago sapevamo che era dura, sono due squadre temibili e i Vipers sul loro campo sono veramente pericolosi e hanno dimostrato che sarà difficile passare e fare punti. Noi ci siamo mangiati la qualificazione contro Padova, alla prima gara, quando negli ultimi due minuti abbiamo sbagliato un cambio sul 6-5 per noi e loro hanno pareggiato. Può succedere, ma ce la siamo mangiata lì e quell’errore l’abbiamo pagato caro. Facendo però una valutazione lucida posso essere soddisfatto perché la squadra ha dimostrato carattere, vista anche la rimonta, e qualità sia contro i Ghosts che contro i Vipers. Ci siamo sotto tutti i profili, ma ci è mancato qualcosa. Questa squadra con gli opportuni accorgimenti può fare molto bene. Sono andate bene le prime due linee, ma anche la terza ha fatto bene e ha dato segnali incoraggianti. Mi sento positivo per il campionato, anche se un po’ di amarezza c’è”.
– In certe situazioni la squadra è sembrata un po’ tesa o con troppa foga.
“Spesso giochiamo con troppa foga per voglia di vincere e per generosità. A volte ci intestardiamo a voler sfondare, quando invece sarebbe meglio giocare d’astuzia e aggirare. Sono convinto che queste cose si possono imparare ed aggiustare”.
“Questo è un gruppo bellissimo – aggiunge Luca, il capitano – C’è tutto: l’esperienza, i giovani, il talento, ottime persone, l’impressione di essere una grande famiglia. Oltre ad essere un bel gruppo c’è una bella squadra a livello qualitativo”.
– E le avversarie?
“In generale e l’hanno dimostrato fino a questo punto – spiega Angelo Roffo – metterei un po’ sopra a tutte Trieste e poi un gruppo con Asiago, Padova e Vicenza ad alto livello”.
“Asiago – aggiunge Luca – ha dimostrato di essere una squadra temibilissima, Stella in questi giorni ha fatto miracoli, hanno giocatori bravi, hanno giocatori di esperienza, hanno un gran feeling, dei giovani inseriti lo scorso anno che sono maturati e poi sulla loro pista sono ancora più forti ed è veramente difficile fare punti, come si è visto. Padova è forte come l’anno scorso, ha un ottimo portiere, un’ottima prima linea, anche in questi giorni pur senza Frigo, ha dei giovani che hanno cuore e si comincia a vedere lo zampino di Ciano (Christian Rela, allenatore dei padovani da quest’anno)”.
“Queste partite sono state un bel test per noi e ci saranno sicuramente utili – conclude il coach.
“Certo vedendo i segnali positivi – termina il capitano – resta anche un po’ di amaro in bocca, ma dobbiamo pensare che la squadra c’è”.
La parola ora passa al campionato che avrà inizio la prossima settimana, mentre per i Diavoli, in riposo la prima giornata, prende il via sabato 15 ottobre a Latina.

Il “Diario” del week end di Coppa Italia dei Diavoli

Roster sabato 1 ottobre 2011
Immobiliare Neve Diavoli Vicenza:
Alberti, Guglielmi, Bellinaso, Corradin, Rigoni, Testa F., Valbusa, Agerde, Bortot, Gamba, Grigoletto, Pozzan, Roffo, Stevanoni, Testa S.
All. Angelo Roffo

Immobiliare Neve Diavoli Vicenza – Ghosts Padova (2-4) 6-6
Arbitri: Corponi e Rigoni
Reti
PT: 2,23 Comencini (P) pp, 8,07 Mosele (P) pp, 12,23 Zanin (P), 17,08 Mantese (P)pp, 19,44 Roffo (V), 19,54 Testa F. (V);
ST: 21,31 Corradin (V), 26,25 Mosele (P), 29,33 Corradin (V)pp, 29,49 Stevanoni (V) pp, 38,37 Mosele (P)pp.

Partita iniziata male per i vicentini che si sono trovati sotto di quattro reti e con numerose penalità fischiate. I Diavoli sono riusciti a recuperare e nel secondo tempo la partita ha cambiato volto, con molte occasioni da entrambe le parti e grandi parate da parte dei portieri. Sul 6-5 per i vicentini, a due minuti dalla fine per errore nel cambio i Diavoli hanno preso penalità e Padova ne ha approfittato per pareggiare.
“Devo fare i complimenti alla squadra perché sotto di quattro gol è riuscita a reagire e recuperare fino a portarsi sul 6-5 – ha spiegato a fine gara Angelo Roffo, coach dei Diavoli – Peccato per l’errore nel finale che ha portato al pareggio, ma non posso dire nulla ai ragazzi. Il pareggio è il risultato più giusto e contro i vicecampioni d’Italia ci può stare”.

Asiago Vipers – Immobiliare Neve Diavoli Vicenza (3-3) 3-3
Arbitri: Grandini e Corponi
Reti
PT: 1,12 Rigoni S. (A) pp, 4,35 Roffo (V), 5,38 Tessari L. (A), 5,47 Bortot (V), 10,30 Bortot (V) pp, 11,55 Stella S. (A):

Il derby fra le vicentine si è chiuso con un pareggio, ma la gara è stata molto combattuta ed emozionante e le reti potevano essere molte di più. Merito dei portieri, in particolare Stella che in alcune occasioni si è superato e non ha permesso ai Diavoli di portare a casa una vittoria.
“Abbiamo avuto tante occasioni, ma non abbiamo realizzato abbastanza, un po’ per bravura del portiere e un po’ per imprecisione nostra – ha dichiarato a fine gara Andrea Alberti, portiere dei vicentini – Stella ha fatto dei miracoli e in alcune situazioni ha letteralmente salvato la squadra. A noi manca un po’ di rodaggio per esprimerci al meglio. Questa Coppa Italia ci serve anche per giocare insieme, per conoscerci e per trovarci. Una volta che ci abituiamo a giocare insieme possiamo fare bene”.

Roster domenica 2 ottobre 2011
Immobiliare Neve Diavoli Vicenza:
Alberti, Guglielmi, Bellinaso, Bettello, Corradin, Rigoni, Testa F., Valbusa, Agerde, Bortot, Gamba, Grigoletto, Pozzan, Roffo, Stevanoni, Testa S.
All. Angelo Roffo

Immobiliare Neve Diavoli Vicenza – Catania Flames (5-0) 13-0
Arbitri: Turrini e Rigoni
Reti
PT: 3,06 Grigoletto (V), 10,19 Valbusa (V); 11,34 Roffo (V), 17,11 Testa S. (V), 19,17 Bortot (V);
ST: 21,19 Stevanoni (V), 29,26 Valbusa (V), 29,44 Valbusa (V), 30,01 Pozzan (V); 32,12 Corradin (V), 37,04 Testa F. (V); 37,55 Corradin (V), 38,02 Bortot.

Vicenza, costretto ad una vittoria con tante reti di scarto, ha chiuso sul 13-0 una partita non impeccabile soprattutto nel primo tempo in cui qualche errore di troppo dei vicentini, i pali (ben 5 solo nella prima frazione di gioco) e la bravura del portiere avversario, non hanno permesso un bottino più pesante. Nel secondo tempo i Diavoli hanno trovato maggior concentrazione e concretezza e sono andati a segno, colpendo ancora qualche palo, otto volte.