IVAN LAZZARINI MIGLIORE DEGLI ITALIANI.

Triscina (TP) – Una gara bellissima, crudele, spietata, che lascerà il segno su questo mondiale giocato tutto in famiglia tra i fratelli Thomas e Adrien Chareyre. Vince a mani basse il minore dei fratelli, il 23enne Thomas, fortissimo nel warm up e nei Time Practice mentre nella Superpole ha ottenuto la seconda posizione in griglia dietro al maggiore, il 25enne Adrien. Due squadre, due moto diverse e stessa determinazione.

 

Domina il GP della Sicilia, quindi, Thomas Chareyre (TM Factory Racing)  in virtù di due vittorie parziali e un secondo posto che gli permettono di incrementare la sua posizione di leader in campionato, davanti ad Adrien che ha chiuso due volte secondo e una volta primo, nella manche conclusiva. Alle loro spalle nella graduatoria assoluta di giornata finisce un ottimo Ivan Lazzarini (HM Honda Racing) ottenendo tre gradini più bassi del podio suggellando il secondo miglior risultato della stagione, permettendosi di lasciare apertissimo un campionato apparentemente scontato che lo vede terzo a ridosso dei due transalpini.

Tra gli italiani migliori del GP siciliano vanno elencati Andrea Occhini (Suzuki Rigo Racing Team) che nonostante la sfortuna è riuscito a chiudere al settimo posto davanti a Christian Ravaglia (Suzuki Valenti Lux Performance). Undicesima posizione per Giovanni Bussei (Honda SBD Union Bike Racing) che anticipa Massimo Beltrami (Honda TDS Faor), Elia Sammartin (Suzuki Racing Team Pergetti), Max Verderosa (HM Honda Racing). Diciassettesimo il pilota siciliano e co-organizzatore dell’evento, Raffaele Pirri (Yamaha Dream Team) che chiude il GP davanti a Edgardo Borella (Suzuki Lux Performance).

Assenti forzati Davide Gozzini, per la convalescenza dal recente intervento chirurgico al polso destro, e il francese Thierry Van Den Bosch, sottoposto nei giorni precedenti la gara ad intervento chirurgico per ridurre e stabilizzare la frattura alla settima vertebra dopo una caduta in allenamento. Infortunato anche Paolo Gaspardone per un brutto colpo al ginocchio sinistro in allenamento con la moto da cross.

 

Ma la gara italiana dice anche altre cose importanti con il campionato Europeo della specialità che ha visto trionfatore assoluto un grandissimo Teo Monticelli (Honda Team Freccia) con tre manche vinte e il titolo che si avvicina sempre più grazie alla posizione di leader sempre più rafforzata. Dietro al marchigiano chiude la prova il ceko Petr Vorlicek (Suzuki) giunto sempre alle spalle del vincitore. Terzo posto assoluto per l’altro ceko Pavel Kejmar (Suzuki) e quarto il toscano Alessandro Tognaccini (Ktm 747 Motorsport), secondo in campionato davanti a Massimiliano Porfiri (Honda Freccia Team), che termina la gara di Triscina sesto dietro a Mattia Martella (Ktm Motoracing Team).

 

Nel Trofeo Nazionale Goldentyre Supermoto, prova unica e un sostanzioso montepremi, la spunta il 24enne Antonino Vallone, palermitano campione siciliano Supermoto 2011 che ha vinto la prima manche giungendo terzo nella ripresa grazie a un sorpasso all’ultima curva che gli è valsa la vittoria assoluta. Posizione d’onore per il modicano Giorgio  Puglisi davanti al palermitano Domenico Ricchiari.

 

La cronaca delle gare mondiali

S1 GARA-1: I fratelli francesi Adrien (Aprilia Fast Wheels ASD) e Thomas Chareyre (TM Factory Racing) davanti a tutti al via della manche inaugurale, a seguirli il pesarese Ivan Lazzarini (HM Honda Racing) e Andrea Occhini (Suzuki Rigo Racing Team).

Il quartetto si mantiene per poco in quest’ordine con Thomas che si porta al comando davanti ad Adrien, Lazzarini, Uros Nastran (SLO-Honda TDS Faor), Alexis Marie Luce (FRA-Ktm 747 Motorsport), Mauno Hermunen (FIN-Husqvarna Factory), Matthew Winstanley (GBR-Honda SHR Supermoto). Scivola Occhini e perde una decina di posizioni.  Più dietro Massimo Beltrami (Honda TDS Faor), l’idolo locale e organizzatore Raffaele Pirri (Yamaha Dream Team), Massimiliano Verderosa (HM Honda Racing), Elia Sammartin (Suzuki Racing Team Pergetti), Christian Ravaglia (Suzuki Valenti Lux Performance).

Nel corso dei quindici giri percorsi scivola anche Hermunen ma in testa rimane ben saldo fino alla bandiera a scacchi il leader mondiale Thomas Chareyre davanti ad Adrien Chareyre e Ivan Lazzarini. Beltrami chiude nono la sua corsa, e poco dietro gli altri italiani Occhini, Verderosa, Pirri, Sammartin.

 

S1 GARA-2: Stavolta è Thomas Chareyre a spuntare per primo all’uscita della prima curva dopo il via, precedendo il fratello Adrien e Lazzarini che di nuovo è alle spalle della coppia di testa. Quarto transita poco dopo il via il francese del Ktm 747 Motorsport, Alexis Marie Luce, quindi il britannico Winstanley (Honda SHR Supermoto), il finlandese Hermunen (Husqvarna Factory), il lodigiano del Rigo Racing Team Andrea Occhini (Suzuki), il bolognese Massimo Beltrami (Honda TDS Faor), poi ancora più giù Borella (Suzuki Lux Performance), Ravaglia (Suzuki Valenti Lux Performance), Bussei (SBD Union Bike Racing), Sammartin (Suzuki Racing Team Pergetti), e il pilota siciliano Raffaele Pirri (Yamaha Dream Team) che stavolta non riesce a spuntare bene al via. Nessun cambiamento nel terzetto di testa che, salvo qualche scossone, chiudono nell’ordine con Thomas e Adrien Chareyre in questa posizione davanti a Lazzarini, mentre dietro chiudono Nastran, un bravo Occhini finalmente tra i migliori cinque, quindi Winstanley, Marie Luce, Beltrami, Bussei e Sammartin per le top ten di questa frazione.

 

S1 Gara-3: E’ ancora il solito terzetto a condurre le prime battute di gara della terza e ultima manche di questo GP della Sicilia 2011, con Thomas (TM Factory Racing) e Adrien Chareyre (Aprilia Fast Wheels ASD) davanti al marchigiano Ivan Lazzarini (HM Honda Racing). Dietro procedono Marie Luce (Ktm 747 Motorsport), Andrea Occhini (Suzuki Rigo Racing Team), Christian Ravaglia (Suzuki Valenti Lux Performance), Uros Nastran (Honda TDS Faor), Edgardo Borella (Suzuki Lux Performance), Mauno Hermunen (Husqvarna Factory), Giovanni Bussei (Honda SBD Union Bike Racing), Massimo Beltrami (Honda TDS Faor). Al quarto giro lo scambio in testa con Adrien che passa al comando davanti al fratello Thomas, finendo nell’ordine davanti al bravissimo Ivan Lazzarini. Quarta piazza per Ravaglia, quindi Nastran, Hermunen, Marie Luce e Giovanni Bussei. Più dietro Verderosa, Sammartin e  Occhini, che quest’anno a Triscina non è stato molto fortunato.

Vince così l’assoluta Thomas Chareyre sempre più solo in classifica di campionato. Posizione d’onore sul podio per Adrien Chareyre davanti a Ivan Lazzarini.


CLASSIFICHE

S1 Gara-1: 1. Thomas Chareyre (FRA-TM Factory Racing) 16 giri in 19’06.685 e giro più veloce in 1’11.133; 2. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia Fast Wheels ASD); 3. Ivan Lazzarini (ITA-HM Honda Racing); 4. Uros Nastran (SLO-Honda-TDS Faor); 5. Alexis Marie Luce (FRA- Ktm 747 Motorsport).

S1 Gara-2: 1. Thomas Chareyre (FRA-TM Factory Racing) 16 giri in 19’08.977; 2. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia Fast Wheels ASD) giro più veloce in 1’10’999; 3. Ivan Lazzarini (ITA-HM Honda Racing); 4. Uros Nastran (SLO-Honda-TDS Faor); 5. Andrea Occhini (ITA-Suzuki Rigo Racing Team).

S1 Gara-3: 1. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia Fast Wheels ASD) 16 giri in 19’11.083 e giro più veloce in 1’11.057; 2. Thomas Chareyre (FRA-TM Factory Racing); 3. Ivan Lazzarini (HM Honda Racing); 4. Christian Ravaglia (Suzuki Valenti Lux Performance); 5. Uros Nastran (SLO TDS Faor).

S1 Assoluta: 1. Thomas Chareyre (FRA-TM Factory Racing) punti 72; 2. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia Fast Wheels ASD) 69; 3. Ivan Lazzarini (ITA-HM Honda Racing) 60.

S1 Graduatoria: 1. Thomas Chareyre (FRA-TM Factory Racing) punti 255; 2. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia Fast Wheels ASD) 248; 3. Ivan Lazzarini (ITA-HM Honda Racing) 224.

Europeo Open Gara-1: 1. Teo Monticelli (ITA-Honda Freccia Team) 16 giri in 19’46.118; 2. Petr Vorlicek (CZE-Suzuki); 3. Alessandro Tognaccini (ITA-Ktm 747 Motorsport) giro più veloce in 1’13.411.

Europeo Open Gara-2: 1. Teo Monticelli (ITA-Honda Freccia Team) 16 giri in 19’48.690 e giro più veloce in 1’13.446; 2. Petr Vorlicek (CZE-Suzuki); 3. Pavel Kejmar (CZE-Suzuki).

Europeo Open Gara-3: 1. Teo Monticelli (ITA-Honda Freccia Team) 16 giri in 19’45.753 e giro più veloce in 1’13.277; 2. Petr Vorlicek (CZE-Suzuki); 3. Pavel Kejmar (CZE-Suzuki).

Europeo Open Assoluta: 1. Teo Monticelli (ITA-Honda Freccia Team) punti 75; 2. Petr Vorlicek (CZE-Suzuki) 66; 3. Pavel Kejmar (CZE-Suzuki) 58.

Europeo Open Graduatoria: 1. Teo Monticelli punti 279; 2. Alessandro Tognaccini 227; 3. Massimiliano Porfiri 209.

Assoluta Trofeo Nazionale Goldentyre: 1. Antonino Vallone (Honda-Dream Team) punti 45; 2. Giorgio Puglisi (Ktm Polizia di Stato) 44; 3. Domenico Ricchiari (Yamaha-Dream Team) 41; 4. Luca Ciaglia (Yamaha-Dream Team) 38; 5. Salvatore Giammona (Yamaha-Dream Team) 30.

 

Classifiche complete su www.dborganizationcom