E’ stata una trasferta trionfale quella delle selezioni under 14 e under 17 delle discipline classiche ai Campionati Europei giovani. Sul piano d’acqua ucraino di Dnipropetrovsk le promesse azzurre guidate dall’allenatore Patrizio Buzzotta ……

 

e dal direttore tecnico Elisabetta Galli hanno sbaragliato la concorrenza, conquistando ben 10 medaglie.

 

 

10 MEDAGLIE E TITOLI INDIVIDUALI PER BAGNOLI E CARUSO

 

In evidenza assoluta Alice Bagnoli 13 anni di Basiglio (MI). La giovanissima sciatrice, tesserata per il club Luna Rossa, è riuscita nell’impresa di conquistare ben tre medaglie d’oro, rimanendo giù dal podio solo nel salto. Per Alice titoli individuali della categoria Under 14 femminile nelle specialità dello slalom, figure e combinata.

 

Altra grande prestazione è arrivata dal 15enne Brando Caruso di Omegna (VB) che tra gli Under 17 maschili è salito sul podio per tre volte: un oro e due argenti. Il titolo europeo, come da pronostico, è stato conquistato nello slalom, sono poi arrivati anche due splendidi secondi posti nelle figure e nella combinata.

 

Ottima prova anche da parte di Gianmarco Pajni, 15 anni di San Donato Milanese (MI), che al primo anno tra gli Under 17 è stato capace di salire per due volte sul podio, raggiungendo la terza piazza nelle figure e nel salto.

 

Gli ottimi risultati individuali si sono poi fatti evidenti nelle competizioni a squadre, dove i team azzurri hanno centrato il bronzo nella categoria under 14 e il bronzo tra gli under 17.

In virtù dei risultati delle due selezioni, l’Italia ha inoltre conquistato anche il terzo posto nella prestigiosa Coppa Ellenica, segno che le giovani promesse italiane hanno davanti a loro un più che roseo futuro.

 

Ufficio Stampa

Gabriele Falcioni