Asti – Derthona 0-3

Asti (4-4-1-1): Sperandio; Mogos, Lorusso, Marianini, Lisa; Maggiora, Plado (23′ st Cerutti), Bresciani, Vavalà (36′ st Marelli); Rizzo, Mari. N.e.: Favarin, Storno, Colombo, Predko, Berberi. All.: Civeriati.

Derthona: Bodrito; De Martino (5′ st Sahe), Coletto, Di Leo, Franchi; Serra (44′ st Giordano), Pellegrini, Finelli, Busco; Marrazzo (37′ st Castagna), Zirilli. N.e.: Trivellato, Balsamo, Mazzoleni, Rodriguez. All.: Rampulla.

Marcatori: 8′ e 27′ st Marrazzo (D), 42′ st Castagna (D).

Arbitro: Colosimo di Torino.

Note: espulsi Mari (A) al 23′ st per doppia ammonizione e Civeriati (A) al 40′ st per proteste; ammoniti Bresciani, Vavalà (A), De Martino, Pellegrini (D); spettatori 250 circa.

 

Termina con una sconfitta la prima sfida ufficiale biancorossa, ma l’Asti si arrende a testa alta. La formazione di Civeriati affronta con buona personalità il Derthona e cade solo nel secondo tempo sotto i colpi dei leoncelli. Il tecnico dei galletti per il match domenicale opta per la linea verde e manda in campo un undici ricchissimo di under: se il risultato non premia la formazione del presidente Piacenza, è stato senza dubbio encomiabile l’impegno e la resa dei giocatori, che hanno affrontato senza timori l’avversario. A inizio gara occasionissima per gli alessandrini: Marianini commette fallo in area su Marrazzo, l’arbitro concede rigore, ma Zirilli scheggia il palo. Nel cuore del primo tempo, su un offside non segnalato, Marrazzo si trova a tu per tu con Sperandio, che lo ipnotizza. Lorusso per l’Asti sfiora la rete, ma nel resto del primo tempo l’estremo difensore avversario resta sostanzialmente inoperoso. A inizio ripresa Marrazzo inventa un gran gol dopo l’uno contro uno con Lisa, poi, ancora l’ex Entella, beneficia di una palla in profondità per raddoppiare. Mari viene espulso per doppio giallo (decisione troppo severa), l’Asti non ha quindi energie sufficienti per imbastire la rimonta. Nel finale Castagna, da poco entrato, cala il tris. Domenica alle 15 è tempo di campionato: al Censin Bosia arriva il Villavernia.