Matteo Viola prepara gli Australian Open, Speronello, Ghedin, Trusendi e Zennaro a Miami. Squadrin in Spagna

Un evidente segno della positività della nuova collaborazione della 2001 TEAM TENNIS ACADEMY con l’AS 98, società composta dai maestri Andrea Mantegazza, Mauro Meneghini e Enrico Bettini, è l’attuale programmazione dei tornei internazionali per il primo mese della stagione 2011.


Gli atleti partiranno, a gennaio, con trasferte importanti: innanzitutto, MATTEO VIOLAnella foto - volerà a Melbourne per gli Australian Open, WALTER TRUSENDI a metà gennaio probabilmente giocherà Futures (10.000$) negli Stati Uniti (a Miami), insieme a NICOLA GHEDIN, MARCO SPERONELLO e GIOVANNI ZENNARO.

Speronello e Ghedin si sposteranno poi, a fine febbraio, ad Antalia, in Turchia, accompagnati da Razvan Sabau, neo-collaboratore della 2001 Team Tennis Academy, ex n.70 ATP. In campo femminile, GIULIA SQUADRIN inizierà la sua stagione a Maillorca, a fine Gennaio, e probabilmente raggiungerà i ragazzi ad Antalia a fine febbraio.

Non solo tornei pro, ma anche Under: CECILIA BARBIERO, GIULIA PERETTA, ANNACHIARA MARIOTTO, VALENTINA MARIOTTO, ALESSIA STEFANI e DAVIDE CALLEGARI partiranno infatti alla volta di Salisburgo per disputare un torneo ITF Under 18.

MATTEO VIOLA, classe ’87 e best ranking 210 ATP, è attualmente il giocatore più promettente presente in Veneto. Si allena, seguito da Andrea Mantegazza, presso il C.S. PLEBISCITO da ormai due mesi.

-Come ritieni sia stata questa stagione 2010?

“ Sono molto contento della stagione passata, è stata molto positiva. Sono riuscito a vincere quattro tornei Futures e ho raggiunto una semifinale Challenger, a Palermo. Le partite più significative che ho giocato questa stagione, quelle che mi hanno fatto veramente capire di potermela giocare con tutti, a livello Challenger, sono state sicuramente quella contro Volandri, a Roma, e contro Giraldo, in Colombia: entrambi sono top 100 e con entrambi ho avuto dei match point. Me la sono giocata, è stata una svolta, a livello psicologico mi sono servite molto. In un anno sono salito di 110 posizioni, è indicativo”.

-Che obiettivi ti sei prefissato per la stagione 2011?

“ Non ho un obiettivo preciso, di classifica…Direi fino a dove posso arrivare con i miei mezzi e le mie possibilità”.

-Stai preparando le trasferte per inizio stagione 2011..Dove giocherai i primi tornei?

Innanzitutto, starò un mese in Australia, per cui mi sto preparando allenandomi sui campi in veloce, in Green Set. Giocherò un Challenger a Noumea (Nuova Caledonia) in preparazione alle qualificazioni degli Australian Open, e un Challenger a Singapore.”

- Parlaci dello staff che ti segue…Sei seguito da anni da Andrea Mantegazza, giusto?

“Si, sono ormai 10 anni che vengo seguito da Andrea (da quando ho 12 anni). Ha sempre creduto nelle mie qualità, sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista mentale…è un punto di riferimento per me, ho piena fiducia in lui, nelle sue conoscenze e in ciò che crede meglio per me. Tra l’altro, mi ha posto obiettivi sempre superiori a quelli che io pensavo di poter raggiungere..Un’altra persona molto importante nella mia preparazione è Massimo Pietrogrande: da 3 anni mi segue nella preparazione fisica e mi trovo molto bene. Credo che sia molto importante la collaborazione e l’affinità che si crea tra allenatore, preparatore atletico e giocatore, crea l’ambiente giusto per trovare nuovi stimoli a migliorare, anche in partita.

-Come ti trovi nella struttura del C.S. Plebiscito? Hai iniziato da poco ad appoggiarti qui…

“Già, c’è stato questo cambio di struttura improvviso, ma sono molto contento perché il Plebiscito è completo, sia per quanto riguarda la parte ‘tennistica’ (essendo presenti tutte le superfici: terra rossa, Green Set, erba sintetica) sia per quanto riguarda la palestra, molto completa. Trovo che sia un’ottima struttura per tutti gli atleti. Inoltre, grazie alla collaborazione con la 2001 Team Tennis Academy, posso allenarmi ogni giorno con uno sparring diverso, senza contare il fatto che siamo un gruppo numeroso si di professionisti ma soprattutto di amici, e questo clima aiuta a raggiungere nuovi stimoli per migliorare”.

Ufficio Stampa

Commenti